il magazine
della federottica

Ora nei centri ottici
DAL 1959
mercoledì 22 Maggio 2024
- Aggiornato ieri, 17:18

“Vista e occhi-Ali per la libertà”, un’iniziativa unica

di V. Mai.
11 Ottobre 2023
14:45
Si è concluso il progetto sociale di Federottica Milano Acofis in collaborazione con la Cooperativa Sociale Bee.4 all’interno del carcere di Bollate. Un bel successo per i risultati ottenuti e per lo spirito di servizio raggiunto dagli ottici optometristi dell’associazione provinciale milanese.

Quattro lunedì, da fine giugno e fine agosto e un obiettivo importante, la fornitura di occhiali ai lavoratori detenuti della casa circondariale di Bollate. È l’impegno che ha coinvolto diversi ottici optometristi associati a Federottica Milano Acofis per una causa meritoria, sottoporre ad analisi visiva e fornire gli occhiali ai detenuti lavoratori. L’iniziativa “Vista e occhi-Ali per la libertà” è stata realizzata dalla territoriale milanese in collaborazione Cooperativa Sociale Bee.4, con il supporto delle aziende Centro Style, Visionix e Tokai.

I numeri
Dal 26 giugno al 17 luglio, ogni lunedì, gli ottici optometristi volontari Gabriella Pagani, Michela Salerno, Fabio Lusardi, Roberto Cazzini, Piero Savorelli, Matteo Castellani, Paola e Marco Rovellini, Mauro Rosa, Matteo Brignoli, Andrea Visconti, Alessandro Asinari, Michela Spertini e Giorgia Trovato si sono alternati per sottoporre a controlli visivi i lavoratori detenuti. Le analisi visive effettuate sono state 66, con la realizzazione di 69 occhiali, di cui 3 neutri, 47 monofocali e 19 progressivi, che sono stati consegnati in tre diverse giornate: 4 e 25 settembre, 3 ottobre.
«Un grosso plauso – sottolinea, a Ottica Italiana, Gabriella Pagani, presidente di Federottica Milano Acofis – va a tutti i colleghi e a Marco Barajon, che è nostro il responsabile delle iniziative sociali, e che ha seguito tutto il progetto, dalla fornitura degli occhiali alle lenti con Tokai fino alle spedizioni, sempre molto da vicino.

Il valore dell’iniziativa
«È molto alto – aggiunge Pagani – perché sono lavoratori interni, sono persone che comunque non escono a lavorare, a differenza di altri detenuti e, quindi, non hanno sicuramente la possibilità di avere un servizio visivo come quello dell’analisi visiva e della fornitura dell’occhiale su misura, perché questo può avvenire solo con un ottico optometrista in presenza. Il grosso valore aggiunto è l’essere riusciti ad allestire all’interno dell’area industriale – come la chiamano loro – dove hanno questi open space per attività d’ufficio e l’area più di officina, dedicata ai lavori manuali, una zona dedicata alla refrazione. Inoltre, siamo riusciti a far trasferire nell’area maschile anche le donne lavoratrici, dal reparto femminile al reparto maschile, cosa che non era mai successa prima, perché sono completamente separati ed è vietato alle donne accedere ai reparti maschili e viceversa».
L’auspicio di Federottica Milano Acofis è di poter ripetere in futuro l’iniziativa, «magari non l’anno prossimo, però almeno ogni due anni. Se c’è la possibilità – conclude Gabriella Pagani – e ci sono le risorse, anche umane, a disposizione vorremmo continuare il progetto. Agli associati è piaciuto tantissimo e hanno aderito con un entusiasmo veramente unico. Anche per questo abbiamo voluto organizzare, come Federottica Milano Acofis, una cena conviviale per i volontari e il Consiglio direttivo presso il ristorante “In galera”, presente all’interno del carcere stesso».

Ultime notizie

1
2
3
4
5
Newsletter

Puoi disiscriverti quando vuoi cliccando sull’apposito link che riceverai in ogni newsletter.
Le informative privacy sulla gestione dei tuoi dati le trovi cliccando qui.
Problemi con l’iscrizione? Consulta le FAQ.

Lasciati coinvolgere dal nostro rapido riepilogo delle notizie da non perdere!

Top video

Progetto Eticamente | Perché partecipare
L’ottico optometrista indipendente e le aziende produttrici sostengono la reciproca tutela attraverso un patto di alleanza basato su principi etici certificato dal marchio Eticamente.

“Vista e occhi-Ali per la libertà”, un’iniziativa unica

Pubblicità