il magazine
della federottica

Ora nei centri ottici
DAL 1959
venerdì 19 Aprile 2024
- Aggiornato oggi, 13:07

Beuzen: il bello di sentirsi “Generazione Silmo”

di Massimiliano Lanzafame
7 Luglio 2023
16:52
La responsabile comunicazione di Silmo spiega il significato del tema scelto dal Salone per l’edizione 2023 e conferma l’andamento positivo delle adesioni degli espositori, in particolare della partecipazione italiana, da venerdì 29 settembre a lunedì 2 ottobre 2023 a Paris Nord Villepinte.

Mancano poco più di due mesi alla fiera parigina e già si preannuncia una ottima partecipazione, dal punto di vista degli espositori, come ci racconta Isabel Beuzen, responsabile comunicazione di Silmo Paris.
«Silmo 2023 si annuncia sotto ottimi auspici, si conferma come punto d’incontro di tutta la filiera e della professione dell’ottica e già siamo a un risultato superiore – rispetto all’edizione 2019 – per quanto riguarda le aziende presenti in qualità di espositori. Avremo, tra l’altro, il ritorno delle aziende cinesi nel padiglione orientale».

Si ritorna, quindi, ai livelli di partecipazioni pre-pandemia. Per quanto riguarda l’Italia sarà ben rappresentata a Parigi?

«La partecipazione italiana è molto soddisfacente, ad oggi abbiamo oltre 90 aziende che saranno presenti in settembre a Silmo e, con piacere, abbiamo registrato il ritorno di alcuni marchi, assenti da qualche anno e che verranno nuovamente a esporre a Parigi. Diciamo che, già dall’edizione del 2021 in poi, c’è un graduale rientro di espositori in fiera».

Il leitmotiv di questa edizione del Salone è sentirsi “Generazione Silmo”: riguarda tutti, sia ottici sia aziende?

«Il tema della Generazione Silmo si è imposto in maniera naturale, perché vediamo che presso le aziende produttrici e gli ottici si tramanda la tradizione familiare. Cito ad esempio Morel e Lafont, ma anche in Italia ci sono tanti esempi. Generazione Silmo vuol dire essere nati, o aver fatto i primi passi della professione, grazie anche a Silmo. Io stessa ne sono un esempio, perché professionalmente sono nata lavorando per il Salone, mi definisco una “figlia del Silmo” e lo stesso fanno diversi espositori, perché Silmo è stato il momento in cui si sono aperti al mondo dell’ottica. Far parte della “Generazione Silmo” significa anche avere un attaccamento a questo settore, perché ci sono tante persone che cambiano ruolo o azienda, ma è difficile che cambino settore di mercato. Significa anche essere indipendenti, saper scegliere, andare a cercare dei nuovi stimoli e questo lo possono avere tutti quegli ottici che si riconoscono nella loro professione».

Isabel Beuzen, direttore comunicazione Silmo Paris

Ultime notizie

1
2
3
4
5
Newsletter

Puoi disiscriverti quando vuoi cliccando sull’apposito link che riceverai in ogni newsletter.
Le informative privacy sulla gestione dei tuoi dati le trovi cliccando qui.
Problemi con l’iscrizione? Consulta le FAQ.

Lasciati coinvolgere dal nostro rapido riepilogo delle notizie da non perdere!

Top video

Aioc: il Congresso dà valore all’ottica e optometria
Giuliano Bruni, presidente Aioc, spiega a OITV l’importanza del Congresso Unitario del 19 e 20 maggio 2024, per far riconoscere l’importanza della figura dell’ottico optometrista e dare forza alla comunità dei professionisti della visione.

Beuzen: il bello di sentirsi “Generazione Silmo”

Pubblicità