il magazine
della federottica

Ora nei centri ottici
DAL 1959
venerdì 19 Aprile 2024
- Aggiornato oggi, 13:07

“Occhio al bio”: presentato a Longarone un progetto di occhialeria sostenibile

di Redazione
2 Maggio 2023
17:27
Un workshop ha illustrato i primi dati del progetto, sviluppato dall’Università di Trento in collaborazione con Certottica, che vuole individuare metodologie efficaci per certificazione e corretta gestione del fine vita dei prodotti basati sulle bioplastiche. Un incentivo alla produzione di più linee “green”.

Un progetto di sostegno delle imprese del settore occhialeria. È la filosofia alla base del progetto “Occhio al Bio!”, sviluppato dal Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica (Dicam) dell’Università degli Studi di Trento in collaborazione con Certottica e vincitore, nel 2020, del bando “Ricerca & Sviluppo – Opportunità per le imprese” promosso da Fondazione Cariverona in partnership con Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto.

In un workshop, che si è tenuto nella sede di Certottica, sono stati presentati i dati preliminari di “Occhio al Bio!”, con risultati piuttosto interessanti: «Da una parte è stata scattata una prima fotografia delle plastiche – sottolinea una nota di Certottica – e bioplastiche ad oggi più comunemente utilizzate dalle aziende, dall’altra sono stati evidenziati i risultati intermedi relativi alla valorizzazione e al fine vita di alcune particolari bioplastiche impiegate nell’occhialeria, nell’ottica futura di trattarle all’interno di specifici impianti dedicati. Degna di nota anche la possibilità, messa in luce durante l’incontro dagli esperti del Green Tech Italy e di Innoven, di avviare una filiera industriale circolare per alcune plastiche e produrre bioplastiche a partire dagli scarti agricoli; queste ultime entrerebbero così a pieno titolo nel novero dei nuovi potenziali materiali a disposizione del settore eyewear».

Il progetto, partito tre anni fa, si è basato su una premessa importante: nel comparto occhialeria non sono ancora molte le realtà interessate a realizzare linee di articoli specificamente basati sulle bioplastiche. «E questo, essenzialmente, a causa della carenza di riferimenti normativi in materia. Oggi – prosegue la nota – le aziende del settore, sempre pronte a intercettare i venti di cambiamento, hanno compiuto importanti passi avanti in tal senso, dimostrandosi particolarmente sensibili nei confronti dell’argomento. Con “Occhio al Bio!” ci si propone dunque di supportarle ulteriormente e di compiere un altro significativo step verso l’innovazione, stabilendo una simbologia atta a consentire l’immediato riconoscimento di un prodotto “bio-based” e di individuare metodologie efficaci per la corretta gestione del suo fine-vita, in linea con le nuove politiche ambientali europee e con l’Agenda per lo sviluppo sostenibile 2030».

Ultime notizie

1
2
3
4
5
Newsletter

Puoi disiscriverti quando vuoi cliccando sull’apposito link che riceverai in ogni newsletter.
Le informative privacy sulla gestione dei tuoi dati le trovi cliccando qui.
Problemi con l’iscrizione? Consulta le FAQ.

Lasciati coinvolgere dal nostro rapido riepilogo delle notizie da non perdere!

Top video

Aioc: il Congresso dà valore all’ottica e optometria
Giuliano Bruni, presidente Aioc, spiega a OITV l’importanza del Congresso Unitario del 19 e 20 maggio 2024, per far riconoscere l’importanza della figura dell’ottico optometrista e dare forza alla comunità dei professionisti della visione.

“Occhio al bio”: presentato a Longarone un progetto di occhialeria sostenibile

Pubblicità