il magazine
della federottica

Ora nei centri ottici
DAL 1959
sabato 20 Luglio 2024
- Aggiornato ieri, 17:02

Aiuti pro-Ucraina, si mobilita Federottica Piemonte

di Valentino Maiorano
18 Marzo 2022
10:28
L’associazione territoriale formata da Federottica Torino e Federottica Cuneo, attraverso il suo referente Fabio Cazzadore, si è attivata nella raccolta fondi “Mamma+bambino” per aiutare, a Rivne, nella parte occidentale del Paese, la popolazione in fuga dalle bombe. Il progetto è di coinvolgere tutti gli ottici di Federottica, strutturare e coordinare quest’iniziativa e allargarla sul territorio nazionale.

Un aiuto concreto per aiutare la popolazione ucraina in fuga dalle città. È l’impegno che si è assunto Federottica Piemonte e il suo referente, Fabio Cazzadore, toccato in prima persona dalla tragedia che si sta consumando nel conflitto in Ucraina. Ha parenti e amici laggiù in quanto la moglie è ucraina e, per questo, è riuscito ad attivare un contatto diretto con la città di Rivne, distante circa 200 km da Leopoli (Lviv), nell’area occidentale del Paese. È una zona apparentemente più distante dal conflitto, sebbene colpita da bombardamenti negli ultimi giorni, ed è l’area in cui, fin dall’inizio del conflitto, convergono le decine di migliaia di persona in fuga dalle città dell’Est, del Sud e dalla capitale Kiev.

«A Rivne – racconta Cazzadore a Federottica.org – abbiamo un contatto con un nostro amico che si chiama Pasha, un avvocato, che ha adibito lo studio legale a punto di raccolta e smistamento di aiuti umanitari da poter dare alle persone. È nata un’iniziativa spontanea in cui le persone prima si sono adoperate a portare gli aiuti e poi si sono messe a disposizione, dalla mattina alla sera, e si sono auto-organizzate per dare supporto alle persone che arrivano: principalmente donne con bambini o adolescenti, donne incinte, anziani, le persone più fragili. Gli uomini, in questo momento, sono impegnati in azioni militari e di controllo sul territorio. Hanno chiamato, infatti, l’iniziativa “Mamma+bambino” e si coordinano attraverso l’omonimo canale Telegram, in cui comunicano e mostrano ciò che viene fatto con gli aiuti sul posto».

Per poter dare un aiuto concreto, Cazzadore si è attivato cercando di capire cosa e come fare. «Mandare tonnellate di merce, in questo momento, è un problema oltre che un costo, perché non hai la certezza che arrivi lì perché le spedizioni sono affidate a piccoli spedizionieri che facevano avanti e indietro con l’Ucraina, ma ora hanno problemi a entrare nelle città per questioni di sicurezza. Ha molto più senso mandare denaro direttamente e noi, per fortuna, abbiamo un canale diretto con queste persone».

Prima ha verificato che l’invio diretto di denaro con bonifico non garantisce l’arrivo intero dell’importo, «ho provato a fare un bonifico – sottolinea – di piccola entità, per capire cosa arrivasse laggiù. Di 33,60 euro inviati (20 euro più il costo bonifico di 13,60) dall’Italia all’Ucraina, loro hanno ricevuto 8 euro», poi insieme ai coordinatori dell’iniziativa ha verificato che il canale Western Union è più rapido, sicuro e garantisce che arriva a destinazione l’intero importo, a disposizione dei volontari di Rivne che riescono ad acquistare generi di prima necessità per tutta la popolazione in fuga e in transito verso occidente.

L’impegno degli associati Federottica

Cazzadore si è, quindi, attivato attraverso gli associati per contribuire agli aiuti. «Come Federottica Piemonte raccogliamo i soldi che vengono bonificati sul conto corrente dell’associazione territoriale – precisa – e provvediamo a inviarli tramite Western Union, con ricevuta. Tramite i centri ottici, che forniscono le coordinate bancarie al proprio pubblico, le persone possono inviare direttamente sul nostro conto corrente il loro contributo (Federottica Torino, IBAN IT72R0200801104000102180862, causale “contributo pro Ucraina” o “aiuti umanitari per l’Ucraina”).

Abbiamo pensato che il modo migliore per coinvolgere gli ottici sia questo e, al momento, in una sola settimana abbiamo raccolto già 3mila euro. È una situazione drammatica, purtroppo in crescendo, e avere un filo diretto con loro, in questo momento è un’occasione più unica che rara. Tutto viene speso in loco dalle persone ed è finalizzato esclusivamente alla sopravvivenza della popolazione con particolare attenzione di donne e bambini.

Al momento gli ottici si basano sul passaparola con il proprio pubblico che chiede cosa può fare, l’indicazione è di fare il bonifico direttamente all’associazione. Cazzadore aggiunge poi che «l’idea è di coinvolgere tutti gli ottici di Federottica, strutturare e coordinare quest’iniziativa e allargarla sul territorio. Al momento sono circa 16 i colleghi di Torino e Cuneo che hanno aderito, ma il numero e le donazioni sono già in aumento». I colleghi piemontesi sono in stretto contatto con il presidente nazionale di Federottica, Andrea Afragoli, per sviluppare maggiormente l’iniziativa e e ampliarla il più possibile.

Una sensibilità profonda di fronte a un dramma che non cesserà con la fine – si spera il prima possibile – delle ostilità, ma che purtroppo rischia di essere lunga per i tanti, troppi danni causati dal conflitto. «È una situazione che non si comprende mai appieno – conclude – finché non ci sei dentro, posso dire che giusto un paio di giorni fa sono arrivati a Rivne un centinaio di bambini orfani, non da un orfanotrofio, orfani… Questa è la dimensione del dramma. E lì non c’è un’assistenza pubblica, non c’è più lo Stato. Ci sono solo le persone».

(Nella foto, alcuni degli aiuti raccolti da “Mamma+bambino” a Rivne. Fonte Telegram)

Ultime notizie

1
2
3
4
5
Newsletter

Puoi disiscriverti quando vuoi cliccando sull’apposito link che riceverai in ogni newsletter.
Le informative privacy sulla gestione dei tuoi dati le trovi cliccando qui.
Problemi con l’iscrizione? Consulta le FAQ.

Lasciati coinvolgere dal nostro rapido riepilogo delle notizie da non perdere!

Top video

Uno sguardo sul Primo Congresso Unitario di Ottica e Optometria
Un breve resoconto sulla due giorni congressuale dal titolo "VISIONE & DIGITALE, UN APPROCCIO COMPLETO PER L’OTTICA E L’OPTOMETRIA MODERNA", svoltosi a Milano il 19 e 20 maggio 2024.

Aiuti pro-Ucraina, si mobilita Federottica Piemonte

Pubblicità