il magazine
della federottica

Ora nei centri ottici
DAL 1959
mercoledì 12 Giugno 2024
- Aggiornato 10/6, 18:41

A Padova un aiuto ai più fragili grazie a “Occhiale solidale”

di Dario Andriolo
31 Marzo 2023
14:54
Prosegue l’iniziativa, nata nel 2015, promossa da Federottica Padova insieme con Ascom, Comune euganeo, Croce Rossa italiana e con la collaborazione del Centro oculistico dell’ospedale Sant’Antonio, e con l’aiuto degli studenti del corso di laurea in Ottica e Optometria dell’Università di Padova.

Professionisti della visione e della vista insieme per la tutela della salute e del benessere delle persone in difficoltà. A fine gennaio ha riacceso i motori il progetto che consente a famiglie numerose, monoreddito, lavoratori precari, disoccupati, anziani con basso reddito e persone senza fissa dimora, di migliorare la qualità della loro vita, curando un aspetto fondamentale della propria salute e della propria vita sociale, lavorativa e scolastica.
«Siamo molto soddisfatti di questo progetto, che si rinnova anche quest’anno e che vede la nostra categoria collaborare concretamente con gli oculisti – spiega a Ottica Italiana Renzo Colombo, presidente di Federottica Padova – per offrire un servizio importante alle persone fragili, un numero che ogni anno purtroppo aumenta».

Il progetto, nato nel 2015, è rivolto ai nuclei seguiti dal Servizio sociale territoriale e dal Servizio di inclusione sociale che si occupa di grave marginalità, e offre gratuitamente le visite oculistiche e la fornitura degli occhiali necessari per la correzione visiva. La visita specialistica e la refrazione vengono eseguite negli spazi ambulatoriali messi a disposizione dalla Croce Rossa locale, con visite che sono a cadenza mensile, con sospensione nel mese di agosto. L’iniziativa promossa dalla territoriale locale è frutto della collaborazione con il Centro oculistico San Paolo dell’ospedale Sant’Antonio della città, la cui divisione oculistica è guidata da Alessandro Galan.

«Le visite avvengono seguendo un preciso protocollo – continua Colombo – e la collaborazione con gli oculisti, nel rispetto reciproco dei ruoli e ambiti di intervento, funziona ottimamente. L’oftalmologo visita la persona inviataci dai servizi sociali del Comune, se riscontra criticità o rischi richiede un approfondimento presso l’Ospedale, mentre noi ottici optometristi ci occupiamo della refrazione e approntiamo l’occhiale completo. Per ciò che riguarda montature e lenti, queste vengono fornite rispettivamente dalle aziende Thema Optical e Optilens, ma capita anche che alcune montature vengano donate da colleghi».

Il progetto “Occhiale solidale”, che ha visto una sola interruzione a causa del periodo di lockdown dovuto alla pandemia, è ripreso a pieni giri e richiede grande impegno e disponibilità da parte di tutti. «Il progetto è tornato operativo dal 31 gennaio, ogni ultimo martedì del mese, anche se noi in realtà vediamo gli utenti interessati almeno due volte: la prima in cui ci occupiamo del check-in e della refrazione e una seconda volta in cui consegniamo loro l’occhiale completo di montatura e lente correttiva. Solitamente i servizi sociali del Comune ci inviano dalle 10 alle 15 persone, ma spesso possono arrivare anche a 17 persone. Lo scorso anno, in seno al progetto, abbiamo fornito assistenza a circa 180 persone e per molte di esse abbiamo approntato due paia di occhiali, uno con lenti per vicino e l’altro con lenti per lontano. È un’attività gratificante e nonostante sia di martedì, giorno di apertura dei centri ottici, l’impegno è sempre massimo. Quest’anno – ricorda Colombo – abbiamo nuovamente coinvolto gli studenti del corso di laurea in Ottica e Optometria dell’Università di Padova, che hanno l’opportunità di fare pratica, ma soprattutto di vedere come avviene la collaborazione fra ottici optometristi e oculisti».

A tale proposito, il presidente di Federottica Padova, illustra alcune iniziative alle quali stanno lavorando, alcune già in atto e altre in fase di definizione, che vedono la collaborazione con la classe medica. «In sede Ascom – sottolinea Colombo – abbiamo ripreso a organizzare alcune serate, della durata di un paio di ore, in cui invitiamo gli oculisti, generalmente primari o direttori di reparto di Padova e provincia, a presentarsi per confrontarsi in maniera serena e costruttiva con i professionisti della nostra categoria, che pongono loro domande e chiarimenti di natura tecnico-scientifica». L’altra iniziativa, che vede impegnata la territoriale padovana, è l’organizzazione dell’ormai consueto Convegno annuale, giunto quest’anno alla decima edizione. «Sono giorni questi che ci vedono impegnati nell’organizzazione del nostro congresso annuale, che si terrà a novembre con data da definire, così come l’argomento – conclude Colombo – che sarà al centro del meeting e su cui stiamo lavorando».

Nella foto da sinistra: Clorinda Crudeli, oculista presso l’Ospedale S. Antonio (Pd), Giampietro Rupolo, presidente C.R.I. comitato di Padova, Daniela Smania, sales country manager Optilens – Shamir, Renzo Colombo, presidente Federottica Padova, Lucia Mussolin, infermiera volontaria, responsabile ambulatori C.R.I Padova, Margherita Colonnello, Assessore al sociale, Comune di Padova.

Ultime notizie

1
2
3
4
5
Newsletter

Puoi disiscriverti quando vuoi cliccando sull’apposito link che riceverai in ogni newsletter.
Le informative privacy sulla gestione dei tuoi dati le trovi cliccando qui.
Problemi con l’iscrizione? Consulta le FAQ.

Lasciati coinvolgere dal nostro rapido riepilogo delle notizie da non perdere!

Top video

“Eticamente valorizza prodotto e centralità dell’ottico optometrista”
Gli ottici optometristi promotori del progetto di Federottica, Gianluca Pieragostini e Paolo Muscetti, durante il Congresso Unitario di Milano raccontano a OITV le adesioni delle aziende a Eticamente nell’ultimo anno e mezzo e come il progetto dia valore alla professionalità dell’ottico optometrista e alle imprese partecipanti.

A Padova un aiuto ai più fragili grazie a “Occhiale solidale”

Pubblicità