il magazine
della federottica

Ora nei centri ottici
DAL 1959
mercoledì 22 Maggio 2024
- Aggiornato ieri, 17:18

Un Date all’insegna del “distinguersi”

di Redazione
12 Settembre 2023
13:40
Tra ispirazioni vintage, edizioni limitate, prodotti bio-based e collezioni colorful, le prossime tendenze eyewear nella due giorni del salone fiorentino, che si è tenuta alla Leopolda sabato 9 e domenica 10 settembre.

Terminata l’11a edizione di Date, il salone dedicato all’occhialeria contemporanea, che si è confermato vetrina di spicco per quei tanti produttori e centri ottici che vogliano distinguersi, presentando occhiali che si differenziano, prodotti unici, esclusivi, di ricerca. Quest’anno in particolare l’offerta è stata molto variegata, con soluzioni pensate per vari tipi di clientela, senza dimenticare la qualità e la cura del dettaglio.

Per quanto riguarda le novità presentate al Date, tra gli stand si sono viste tante tendenze interessanti: «Modelli gender free, prodotti sostenibili in acetati bio o carbonio riciclato, materiali esclusivi come il corno di bufalo indiano o combinazioni di legni pregiati e oro con l’acetato – sottolineano gli organizzatori di Date in una nota –, ma anche oggetti di recupero, forme vintage che si ispirano ai grandi classici degli anni ’30, ’40 e ’50, prodotti interamente realizzati fatti a mano e tailor-made ma anche stampati in 3d. E, naturalmente, tanto colore: verde, viola, fucsia, arancione, giallo, rosso e fluo. Ma anche grigio, marrone, tartarugato, nero e bianco, per chi ama lo stile senza tempo».

Quest’anno Date ha ospitato interessanti debutti da paesi stranieri diversi tra loro come Corea del Sud e Tunisia ma anche ritorni che confermano il salone come momento di riferimento per l’occhialeria innovativa.

«Nuova anche la scenografia dello spazio espositivo – prosegue la nota – arricchito dai visual tratti dalla campagna di comunicazione, realizzata in esclusiva per Date da Lyf, incentrata sui volti e sugli occhi, e da elementi scenici, in contrapposizione con l’austerità della location, che hanno trasportato il visitatore in un mondo spensierato, colorato e di sperimentazione, con l’obiettivo, centrato, di stupire».

Date ha ospitato – secondo i dati forniti dagli organizzatori – circa 1.000 professionisti e buyer di alto profilo del settore, prevalentemente italiani ma alcuni provenienti anche da paesi lontani come Cile, India, Stati Uniti, Taiwan e Israele.

«La formula che abbiamo scelto, due giorni anziché tre, si è dimostrata efficace: ha consentito agli espositori di concentrare gli sforzi e ottimizzare il tempo a disposizione e l’investimento – commenta Giovanni Vitaloni, presidente Date. Ciò conferma che, al di là del format e della durata, Date è un appuntamento atteso e uno strumento utile agli operatori per lanciare le nuove collezioni nel mese di settembre, ovvero agli inizi della nuova stagione».

Sul futuro di Date gli organizzatori stanno già lavorando. «L’innovazione e le novità sono intrinseche di un evento che è incubatore di nuove idee e che fa dell’avanguardia la propria regola, ascoltando sempre con molta attenzione – conclude Date – le rinnovate esigenze sia della produzione che della distribuzione».

Ultime notizie

1
2
3
4
5
Newsletter

Puoi disiscriverti quando vuoi cliccando sull’apposito link che riceverai in ogni newsletter.
Le informative privacy sulla gestione dei tuoi dati le trovi cliccando qui.
Problemi con l’iscrizione? Consulta le FAQ.

Lasciati coinvolgere dal nostro rapido riepilogo delle notizie da non perdere!

Top video

Progetto Eticamente | Perché partecipare
L’ottico optometrista indipendente e le aziende produttrici sostengono la reciproca tutela attraverso un patto di alleanza basato su principi etici certificato dal marchio Eticamente.

Un Date all’insegna del “distinguersi”

Pubblicità