il magazine
della federottica

Ora nei centri ottici
DAL 1959
domenica 23 Giugno 2024
- Aggiornato 18/6, 13:19

“Al Date per scoprire novità e differenziarsi”

di Massimiliano Lanzafame
7 Settembre 2023
17:43
È Francesco Gili, direttore di Date, ad affermarlo nel corso della chiacchierata con Ottica Italiana, riferendosi agli ottici optometristi che visiteranno la fiera che si tiene alla Leopolda di Firenze questo weekend.

Manca pochissimo all’apertura di Date 2023, l’atteso appuntamento dell’eyewear contemporaneo che si tiene sabato 9 e domenica 10 settembre alla Stazione Leopolda. Oltre 100 i brand provenienti da Italia, Francia, Germania, Belgio, Irlanda e Giappone, per citarne alcuni, che esporranno a questa nuova edizione della manifestazione, tra debutti, anteprime e attesi ritorni.

«Le aspettative sono in linea con gli altri anni per questa undicesima edizione – dice Francesco Gili, direttore di Date –, le aziende presenti sono ottime, abbiamo un centinaio di marchi che presenteranno nuove collezioni, che poi saranno portate in giro per il mondo. Ho visto una pre-selezione di prodotti e sono assolutamente interessanti, in particolare per il mercato italiano, che è quello a cui si rivolge essenzialmente il Date. Per quanto riguarda i visitatori, le pre-registrazioni confermano l’andamento degli anni passati».

E tra i visitatori illustri, sabato alle ore 11, è annunciato anche il sindaco di Firenze, Dario Nardella, che sarà accolto dal presidente di Date, Giovanni Vitaloni, per fare un giro tra gli stand del salone, dove sarà circondato da tanti professionisti che andranno alla scoperta delle collezioni. Gli espositori, infatti, proporranno novità in termini di modelli, materiali e tecnologia, frutto di una continua ricerca improntata alla realizzazione di oggetti unici, creazioni originali e d’avanguardia, in grado di fondere tradizione e innovazione con un occhio sempre puntato alla sostenibilità.   

A chi è ancora indeciso se recarsi a Firenze, Francesco Gili lancia un invito a visitare il Date «perché è una manifestazione tipicamente italiana, costruita appositamente per gli ottici, dove si possono trovare dei prodotti un po’ diversi da quelli che si vedono normalmente, con aziende internazionali che fanno ricerca, così da poter, poi, proporre alla propria clientela delle novità in anteprima. Non va mai dimenticato che l’occhiale è un oggetto che si mette sul viso e che testimonia la personalità di chi lo indossa. Poter proporre un occhiale, quasi tailor-made, molto particolare, fatto da aziende che hanno tirature limitate, è qualcosa che può differenziare il proprio centro ottico».

Un salone di avanguardia dell’eyewear, però aperto a tutti i professionisti del settore interessati. «Il Date si rivolge a tutti i centri ottici che vogliono differenziarsi – aggiunge Francesco Gili –. Gli ottici normalmente hanno nel proprio assortimento i grandi brand, che fanno la parte del leone del mercato, e ci sta assolutamente. Poi, ognuno di loro può differenziare il proprio punto vendita anche con prodotti di nicchia, che magari non tutti hanno nella stessa città. Solitamente questi nostri espositori del Date servono una o due porte per città e non di più». 

Una delle novità di questa edizione è lo svolgimento nell’arco temporale di due giorni, anziché tre. «Date è la manifestazione di apertura a settembre che – spiega il direttore – proprio grazie a questo posizionamento in calendario, è l’unica che non ha mai saltato una edizione, neanche durante la pandemia. Quest’anno, poi, abbiamo ottimizzato l’evento su due giorni cercando di dare un vantaggio anche agli espositori, in termini di risparmi, concentrando l’attività nelle due giornate clou con più presenze di sabato e domenica».

Date 2023 non apre solo la stagione delle fiere dell’ottica, ma anche quella delle fiere del fashion e accessori, che sono state presentate nel corso dell’incontro con stampa e stakeholder “Make it shine”, mercoledì 6 settembre, a Milano, nello spazio del bistrot di Andrea Aprea, presso il palazzo della Fondazione Luigi Rovani. Saranno otto grandi eccellenze fieristiche in programma a settembre: Date, Homi Fashion&Jewels Exhibition, Micam, Mipel, Mipel Lab, The One Milano, Lineapelle e Simac Tanning Tech.

Nella foto di apertura (da sinistra) Francesco Gili, direttore Date, Simona Greco, direttore manifestazioni Fiera Milano, Roberto Vago, direttore Simac Tanning Tech, Claudia Sequi, presidente Assopellettieri, Fulvia Bacchi, ceo Lineapelle, Giovanna Ceolini, presidente Micam, e Norberto Albertalli, presidente The One Milano.

Ultime notizie

1
2
3
4
5
Newsletter

Puoi disiscriverti quando vuoi cliccando sull’apposito link che riceverai in ogni newsletter.
Le informative privacy sulla gestione dei tuoi dati le trovi cliccando qui.
Problemi con l’iscrizione? Consulta le FAQ.

Lasciati coinvolgere dal nostro rapido riepilogo delle notizie da non perdere!

Top video

31° Premio Ferrante di Optometria alla memoria di Sergio Villani
È un premio alla memoria quello consegnato per la trentunesima edizione del Premio Nazionale di Optometria “Francesco Ferrante”: il riconoscimento viene attribuito a Sergio Villani, nato a Cecina (Li) l’8 gennaio 1934 e scomparso a Pescia (Pt) 14 maggio 2021, che in cinquant’anni di carriera ha saputo tracciare linee fondamentali per lo sviluppo della professione dell’ottico optometrista.

“Al Date per scoprire novità e differenziarsi”

Pubblicità