il magazine
della federottica

Ora nei centri ottici
DAL 1959
giovedì 18 Luglio 2024
- Aggiornato oggi, 11:10

Anfao: 2022 positivo, ma preoccupazione per il futuro

di Massimiliano Lanzafame
15 Dicembre 2022
17:10
Durante l’Assemblea Anfao è emersa la crescente preoccupazione per i prossimi mesi. Senza interventi governativi prevale l’incertezza nonostante i risultati positivi del settore occhialeria provenienti dall’export.

Con la progressiva uscita dall’emergenza sanitaria da Covid-19 e l’allentamento delle restrizioni, in tutto il mondo le aspettative erano orientate verso un sentiment più positivo, «ma la realtà che si è delineata, a partire dall’inizio del 2022 – si legge nella nota di Anfao – si sta dimostrando molto più complessa, tanto che alcuni analisti hanno ribattezzato l’attuale situazione “nuova era del caos“. Questo contesto è dominato da cambiamenti sempre più rapidi, una polarizzazione politica e mediatica, problemi della catena di approvvigionamento, inflazione, debito e conflitti geopolitici».

Sono principalmente tre gli aspetti che dominano lo scenario attuale: «Il conflitto in Ucraina, che incide sul settore economico – prosegue l’analisi Anfao – per ulteriori interruzioni della catena di approvvigionamento, per un cambiamento nella fiducia dei consumatori, che modificherà le abitudini di spesa e impone alle aziende nuovi modelli di previsione per far fronte all’incertezza del mercato; l’impennata del costo della vita, con un aumento dell’inflazione che interessa tutti i paesi del mondo. Solo negli Stati Uniti è quasi quadruplicata negli ultimi due anni e nel Regno Unito è ai massimi da 40 anni. Secondo il Fondo monetario internazionale, si prevede che l’inflazione globale raggiunga un picco del 9,5% quest’anno prima di rallentare al 4,1% entro il 2024. E infine, la nuova era dell’ansia: dalle preoccupazioni per il clima allo stress politico, l’ansia sta influenzando la mentalità e i comportamenti dei consumatori in un mercato in recessione».

Alla luce di questo scenario così complesso, il presidente di Anfao Giovanni Vitaloni suggerisce prudenza, nonostante i dati positivi del settore nel 2022. «Tutto questo ci impone di essere molto cauti e previdenti. Il settore sta performando bene, è in crescita e prevediamo di chiudere l’anno con il segno “più”, ma i rincari che stiamo osservando limiteranno a breve il potere d’acquisto delle famiglie e l’aumento dei costi delle materie prime, la crisi energetica, l’inflazione galoppante e un quadro geopolitico instabile richiedono estrema cautela e attenzione verso le previsioni future. L’aumento delle bollette e dei costi operativi, senza nuove e ulteriori misure di sostegno, potrebbe mettere a rischio la prosecuzione dell’attività di molte aziende del settore nei prossimi mesi, soprattutto le piccole e medie imprese, meno preparate ad assorbire nuovi aumenti dei prezzi delle materie prime, dei trasporti, della logistica, degli imballaggi e così via. Occorrerà rimboccarsi le maniche per non lasciare indietro nessuno sulla strada dello sviluppo. Ad alimentare questo spirito sono necessarie collaborazione e cooperazione, che al settore eyewear sicuramente non mancano, ma anche un importante intervento del nostro governo».

Ultime notizie

1
2
3
4
5
Newsletter

Puoi disiscriverti quando vuoi cliccando sull’apposito link che riceverai in ogni newsletter.
Le informative privacy sulla gestione dei tuoi dati le trovi cliccando qui.
Problemi con l’iscrizione? Consulta le FAQ.

Lasciati coinvolgere dal nostro rapido riepilogo delle notizie da non perdere!

Top video

Uno sguardo sul Primo Congresso Unitario di Ottica e Optometria
Un breve resoconto sulla due giorni congressuale dal titolo "VISIONE & DIGITALE, UN APPROCCIO COMPLETO PER L’OTTICA E L’OPTOMETRIA MODERNA", svoltosi a Milano il 19 e 20 maggio 2024.

Anfao: 2022 positivo, ma preoccupazione per il futuro

Pubblicità